giovedì 26 marzo 2015

CHARITAS

Nella nostra società dell'opulenza può capitare, anche senza avere necessariamente un reddito certo, di avere una casa e di avere un auto; può capitare anche di avere luce, acqua, gas ed internet; può capitare pure di avere vestiti e mobili, una tv, un computer; può capitare perfino di mandare i figli a scuola e addirittura a fare sport; insomma, di fare quasi una vita normale. Ma forse non sapete che in mezzo a tutto questo può capitare, purtroppo, di aprire il frigo vuoto e di non avere di che mangiare!
Qualche decennio fa era il contrario: prima pensavi a mangiare e poi, se possibile, a tutto il resto. La nostra società opulenta, che dà tanto a pochi e poco o niente a molti, invece, ha fatto sì che, grazie alla grande distribuzione alimentare che controlla tutto il processo dal produttore al consumatore, possa capitare che puoi rimanere anche fuori dal circuito dove passa il cibo. Quindi, può succedere, che puoi avere una reggia, una ferrari e tutto il resto, ma di fare la fila alla caritas per rimediare un piatto di pasta...! Ma che società è se un essere umano non ha più accesso a quello che madre natura gli concede gratuitamente solo perché pochi altri se ne sono impossessati?!?

Progetto gorgona

PROGETTO GORGONA
Privato: Brindisi Francesco
piazzetta Borgovecchio 4-Isola di Gorgona-Livorno
cell. 3485927044
email ilgorgon@libero.it
Agriturismo guidato
Microcredito: 24.000
Location: Isola di Gorgona, in collaborazione tra il paese dei gorgonesi e la colonia penale all'aperto, con l'inclusione di civili e di detenuti;
Attività: Agriturismo e pesca. Usare le strutture ricettive della colonia penale, con relativa ristrutturazione, guide gorgonesi e detenuti per il ricevimento, per l'accoglienza di piccoli gruppi di persone, con visite guidate sull'isola e pernottamento di massimo una settimana, sulla falsariga di quello che succede nell'omonima isola di Gorgona in Colombia, ex colonia penale;
Investimento iniziale: da 24.000 a 35.000 euro per stipendi 6 persone (dai 500 ai mille euro cadauno, compresi i detenuti), ripristino di strutture per la ricezione, commercio di prodotti della locale azienda agricola e dell'attività di pesca gestita dai detenuti;
Restituzione microcredito: dopo 6 mesi, ogni mese, dai 500 ai mille euro al mese;
Contatti: Dipartimento amministrativo penitenziario di Firenze per gli eventuali accordi e permessi. Direzione colonia penale dell'isola;
Trasporti: pubblici Toremar o motovedette della polizia penitenziaria;
Partita Iva n.                       ;


martedì 24 marzo 2015

Firma le petizioni per salvare Gorgona!



Da diversi mesi, grazie all'organizzazione internazionale Avaaz, abbiamo dato vita a 
due nuove ed importanti petizioni. Spero vorrete  firmarle, convidendole con me, con i vostri amici e i vostri conoscenti. La prima petizione si chiama: "Chiudiamo il carcere dell'Isola di Gorgona". La seconda: "No al rigassificatore nel Santuario dei Cetacei". Entrambe riguardano l'isola di Gorgona e il suo mare e il Parco Naturale dell'Arcipelago Toscano.



A Gorgona, a sole 19 miglia da Livorno, coesistono una colonia penale ed un paese che sta scomparendo proprio a causa del carcere.
Chiudere questa dispendiosissima prigione a cielo aperto è diventata per gli ultimi abitanti la sola priorità. O il carcere o i gorgonesi è l'unica scelta da fare per non disperdere per sempre la storia e il patrimonio del villaggio degli antichi pescatori. 
La secolare convivenza tra colonia penale e gli ultimi abitanti è ormai carta straccia. Con dei pretesti normativi legati alla sicurezza del carcere, si è arrivati addirittura all'interdizione ad alcuni abitanti, da parte del ministero di Giustizia che gestisce la prigione, di accedere al proprio luogo di residenza e alla propria casa nel paese di Gorgona. 
L'obiettivo di questi mediocri burocrati, che paghiamo anche 20.000 euro al mese per fare poco e niente, è di spopolare l'isola, chiudendola ai civili, per poi magari andarci a fare le vacanze gratis con la scusa delle cooperative per detenuti. 
E' gia successo con la vicina isola di Pianosa, anch'essa in passato sede di un carcere e di un paese. Qui il paese e i pianosini sono definitivamente stati fatti allontanare, mentre il ministero di Giustizia ha mantenuto la proprietà e il controllo dell'isola a suo piacimento, senza spendere un euro.
Per questo motivo sono stati anche di nuovo interrotti i collegamenti marittimi pubblici con Gorgona, impedendo così qualsiasi accesso civile all'isola.
E' necessario fermare subito questo Stato famelico ed incompetente, che passa sopra la vita e gli affetti dei suoi cittadini.
Per firmare clicca qui sotto:
http://www.avaaz.org/it/petition/Chiudiamo_il_carcere_dellIsola_di_Gorgona/?launch


Intanto è già attivo a Livorno, non lontano dall'isola di Gorgona, un enorme rigassificatore che hanno piazzato proprio all'interno del Santuario dei Cetacei e del Parco dell'Arcipelago Toscano. Inutile dire che tutti gli enti preposti alla salvaguardia di questo territorio non hanno alzato un dito per fermare questa ignominia. Anzi, hanno fatto di tutto per incentivare l'arrivo di questo ecomostro, i cui guadagni andranno in tasca ai promotori dell'iniziativa, mentre le spese saranno pagate invece sulle bollette Enel da tutti i contribuenti italiani, anche se non farà un solo contratto, come sta succedendo per la riduzione del 15 per cento di richiesta gas in tutt'Italia
Per questo motivo è oggetto di un esposto presso l'Antitrust.
Il rigassificatore va fermato a tutti i costi perché darebbe un colpo mortale all'ambiente e alla bellezza del Santuario dei Cetacei, oltre ad essere un pericolo per eventuali esplosioni e per l'utilizzo di sostanze chimiche ripulenti. 
Per firmare clicca qui sotto:

lunedì 23 marzo 2015

Un reddito è di tutti!


Da qualche mese è in corso una nuova petizione:
Reddito di cittadinanza in Italia per tutti quelli che ne hanno bisogno!
In Germania, Olanda, Svezia, Finlandia e in quasi tutti i Paesi occidentali già esiste e funziona più che bene!
E' una questione molto importante che riguarda milioni di cittadini abbandonati alla loro sorte.
Senza un reddito, in una società capitalista come la nostra, non sei nessuno, non puoi prendere nessuna decisione, perdi dignità, perdi tutto.
In questo Stato, non avere un reddito significa scomparire, perché non esiste nessun tipo di sostegno sociale, se non quello di una carità miserevole.
I soldi ci sono! Basta toglierli a chi ce li sta rubando e tra le pieghe dello spreco e dell'evasione. Basterebbe non acquistare gli F35, gli aerei da guerra, e si potrebbe avere la cifra necessaria per nove milioni di persone senza reddito, circa 800 euro al mese.
Insieme possiamo fare la differenza! 
Se la firmerete e poi la condividerete con i vostri amici e contatti, riusciremo presto a ottenere il nostro primo obiettivo di 150.000 firme e potremo cominciare a fare pressione sul Governo e il Parlamento italiano per ottenere il risultato che vogliamo.

Clicca qui ! per saperne di più e per firmare: 
http://www.avaaz.org/it/petition/Governo_italiano_Reddito_di_cittadinanza/?launch

Campagne come questa partono sempre in piccolo, ma crescono se le persone si attivano. Ti prego di prenderti un momento per dare una mano firmando e spargendo subito la voce.
Condividi e diffondi il più possibile!


«In Europa è rimasta soltanto l’Italia senza un reddito minimo garantito. Persino la Grecia, che versa in condizioni economiche più drammatiche delle nostre, ha approvato questa fondamentale misura di protezione sociale. Entro questo mese partirà il progetto pilota in 13 comuni greci con dei criteri di assegnazione basati sul reddito e sul patrimonio
Il reddito minimo garantito greco, per esempio, andrà da un minimo di 200euro a un massimo di 500 euro al mese. Entro la fine del 2015 tutta la Grecia usufruirà del reddito minimo garantito. Anche il governo cipriota ha introdotto il reddito minimo garantito. Siamo davvero rimasti gli unici a non averlo»

Del reddito di cittadinanza potrà beneficiarne chiunque abbia perso il lavoro e chi, pur lavorando, non riesca a superare la soglia minima di sopravvivenza: nel primo caso verrà erogato il contributo massimo di 600 euro; nel secondo caso lo Stato provvederà ad integrare il reddito fino a quota 600. L’importo sarà calcolato sulla base del nucleo familiare, ma l’aiuto verrà erogato ad ogni membro. Esempio: una famiglia è composta da due persone, una percepisce un reddito di 400 euro al mese e l’altra non ha entrate. Il primo componente riceverà 200 euro (per arrivare a quota 600), il secondo riceverà il contributo pieno e per ogni figlio a carico aumenterà l’importo del sostegno. Andrà ad integrare anche le pensioni minime .I centri per l’impiego offriranno a chi è disoccupato fino a tre offerte di lavoro, inzialmente “congrue”, ovvero adatte al suo curriculum.

CONDIVIDI!

Il libro, questo sconosciuto

Non so perché si continui a fare a gara ad intervistare o ascoltare il parere di chi ha scritto un libro, qualsiasi esso sia. Sembra quasi la condizione necessaria per poter parlare, per poter esprimere la propria opinione, super partes. A parte il fatto che l'editoria è in mano a poche persone, che scelgono cosa stampare e cosa no, a seconda di come si venderà e, sempre più spesso, a scapito della qualità di quello che viene scritto, perché mai chi scrive un libro ha più da dire di un altro che non lo ha fatto? Oggi è possibile esprimere qualsiasi cosa su internet, spesso cose insulse e ingiuriose, ma altre volte molto interessanti. Eppoi, perché mai l'opinione del mio macellaio dovrebbe essere meno importante di uno che scrive un libro, solo perché sa usare meglio le parole. No, credo che il libro sia passato di moda e non corrisponda a quello che poteva essere una volta. Oggi l'informazione è orizzontale, non verticale. Ma bisogna saper cercare!